Dell’appartenere o meno

excdus:

(This isn’t happening)

Quando avevo 15 anni e quando ne avevo 17 e anche quando ne avevo 20 pensavo questa cosa qui scritta sopra o sotto (che non so se l’immagine la vedrete sopra o sotto) e ne ero convinta poi ad un tratto, un giorno, all’improvviso ho capito che se non facevo pace con queto ‘qui ed ora’ che se non accettavo di appartenere a questo luogo e a questi legami manchevoli o esasperati non ne potevo scappare. Che per scappare per andarsene bisogna prima accettare, non puoi tagliare un filo che non vedi bene perchè ne rifiuti l’esistenza e ciò che non vedi bene, proprio percheè non è possibile reciderlo, t elo porti dietro tutta la vita, ti segue, ti annega… Non esistono centrature, vite perfette semplicemnte perchè noi non lo siamo, perfetti. Ma esistono possibilità di creare il proprio desiderio, di incarnarlo e farcela. In un modo o nell’altro. Il segreto sta nel vedersi chiamaramente, avere questo coraggio infame e poi, solo poi, abbandonare o decidere di non farlo. Quelli sono fatti di ognuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...