Teodora e Tommaso ovvero dello Sguardo

Bonsoir.

Mon nome c’est Teodoricà.

Sono molto felice di conoscervi e vorrei raccontarvi la mia storia.

Sono una principessa cacciata dal mio reale padre solamente perché mi sono follemente innamorata del mio Drago privato: Tommasò.

Ah…è bellissimo, scaglie color citrino, occhi blu tempestosi, se lo vedeste mi capireste subito!

Non si poteva, mi disse, non era il caso, avrei dato scandalo, ma come potevo pensare di stare con un “animale”. Sì proprio così lo chiamò, e pure tra virgolette. Beh io gli dissi il fatto mio e orgogliosamente difesi il mio amore e lui mi cacciò riprendendosi persino la mia corona!

Io me ne andai (non è che avevo molta scelta, questa volta le mie lacrime non funzionarono), e ricominciai una nuova vita .

Certo all’inizio sbarcare il lunario non è che fu proprio facile facile, ma diciamo che ho molta inventiva, sono carina e che avere un fidanzato drago mi ha dato “una mano” nel cavarmela: il panettiere non mi vuole vendere il pane solo perché ho la sfortuna di non poterlo pagare? E io gli mando Tommasò che con una piccola fiammata lo potrebbe ridurre in cenere; il padrone di casa dopo 6 miseri mesi che non riceve l’affitto mi sfratta? Che problema c’è? Tommasò in un battito di ali mi è a fianco e basta un suo sguardo perché il signor padrone diventi un miele e pensate che carino ora la domenica mattina mi porta anche i croissant che la signora padrona di casa, sua moglie, prepara per la colazione!

Sapete essere un drago mica è facile, tutti pensano che solo perché uno è forte come cento uomini, può leggere il pensiero dei cattivi, sputa fuoco, può volare e ha un grande carisma, abbia una vita felice e nulla sia un problema e invece no, mon Tommasò ha momenti di grande tristezza, silenzi tragici in cui i suoi occhioni si colmano di solitudine..

Sapete lui vola in alto e quando guardi il mondo dall’altro, quando entri nei cicloni, e le montagne sono solo piccole creste, tutto si ridimensiona, tutto può fare più paura.

Io cerco di stargli vicino come posso, lucido le sue scaglie, passo il cotton fioc agli angoli dei suoi occhi, gli racconto le mie giornate e ascolto il suo respiro. E’ importante, sapete, saper ascoltare il respiro di chi amate  e riconoscerne il ritmo: è un po’ come dormirci sul cuore.

Sono una precaria: vendo palloncini nei luna park, i palloncini me li passa un signore strano di nome Terenzio. Lui, il Terenzio, si veste sempre di gessato e fuma solo sigari. Tutti i lunedì ci incontriamo sotto una vecchia quercia dietro la cattedrale; ogni volta lui mi guarda, mi consegna i trecento palloncini giornalieri e mi chiede sempre se non mi andrebbe di lanciarmi nel ballo da tavolo (che carino, lui si che vede le mie potenzialità) ma Tommasò non vuole, e allora io, ogni volta, rifiuto con un sorriso. Mmmhhh. Forse pensandoci, il Terenzio, tanto carino non è  visto che i palloncini me li vende al doppio di quello che riesco a guadagnarci (devo parlarne con Tommasò). Che volete, il mio drago, è tanto carino ma ha questa fissa che sono troppo ingenua e che gli uomini non è che sono gentili con me per educazione e bontà ma lo fanno per altri motivi loschi che non mi vuole dire. Beh io questa la chiamo gelosia.

La sera, però, se mi avanza qualche palloncino (e ne avanzano sempre almeno una cinquantina che i bambini non sono più come una volta), io lo stacco dal loro palo e mi libro in aria, mi faccio volare da loro per incontrare il mio Tommasò, e poterlo guardare negli occhi.

E nulla vale più di questo.

Io e il mio drago.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...